Riordan Wiki
Advertisement
Chatstar.png

L’universo fondamentalmente è come una macchina. Non so chi l’abbia costruito, se siano state le Parche, gli dei, un Dio con la D maiuscola o quel che è. Ma, quasi sempre, la macchina dell’universo avanza scoppiettando nella direzione in cui deve andare. Certo, si rompono dei pezzetti e la roba si guasta di tanto in tanto, ma perlopiù le cose succedono per una ragione.

–Leo ad Hazel, in La casa di Ade.

Leo Valdez è un semidio greco figlio di Efesto. E' uno dei sette eroi della profezia dei sette. Ricopre uno dei ruoli più importanti della profezia. Attualmente ha una relazione con Calipso.

Storia[]

Primi anni di vita[]

Leo è nato a Houston, Texas dal meccanico Esperanza Valdez e dal dio fabbro Efesto. A differenza della maggior parte dei suoi fratellastri, Leo è stato il primo figlio di Efesto a controllare il fuoco nato da secoli. Quando era bambino, sua madre lo portò a vedere il suo bisabuelo, Sammy Valdez. Era felicissimo di vederlo e lo tenne stretto, ridacchiando e solleticandogli il mento. Sammy gli parla di Hazel e dice che non sarebbe vissuto abbastanza per vederla di nuovo. Lo disse al pronipote mentre Esperanza era preoccupata e disse che Dona Callida lo aveva avvertito che il pericolo di Hazel non sarebbe accaduto durante la sua vita, ma lui le promise che sarebbe stato lì per lei. Quindi ha detto a Leo di dire a Hazel che era dispiaciuto e di aiutarla. Gli disse di scusarsi per aver venduto il diamante e che il diamante era maledetto: non l'avrebbe mai più vista. Diede a Leo la sua benedizione e disse che era speciale, come lo era Hazel, e gli dice di salutare Hazel per lui. Esperanza lo porta poi a casa.

Da bambino, Leo riceve una visita dalla "baby sitter", Tia Callida, che in realtà era Era travestita. Arriva e si fa chiamare "zia Callida", travestita da una delle donne anziane della sua comunità. Puzzava di prosciutto cotto al miele e indossava sempre un vestito da vedove con uno scialle nero. Quando Leo aveva due anni, decise di sdraiarsi per un pisolino e disse che voleva vedere se era il suo coraggioso piccolo eroe. Lo avvolse nelle coperte e lo adagiò su quelli che Leo pensava fossero cuscini rossi e gialli, ma in realtà era un caminetto. Ricordava di aver dormito comodamente, afferrando scintille. Sognava di essere su una barca fatta di fuoco e Tia Callida gli cantava ninne nanne mentre dormiva, in greco. Non sapeva quale fosse la lingua in quel momento. Quando Esperanza tornò a casa, era furiosa, andò a prendere Leo dalle fiamme e gridò: "Come hai potuto?", Ma lei era scomparsa.

Continuava a presentarsi a casa sua, e quando aveva tre anni, lo lasciò giocare con i coltelli, dicendo che un giorno avrebbe avuto bisogno di imparare con le lame se un giorno avrebbe voluto essere il suo eroe. Quando aveva quattro anni, gli trovò un serpente a sonagli da un pascolo di mucche, gli diede un bastone e gli disse di colpirlo per dimostrare che era coraggioso, e il Destino aveva ragione a sceglierlo. Lui non colpisce il serpente e lei scompare nell'erba.

L'ultimo incontro fu quando aveva cinque anni, gli portò carta e pastelli e si sedette su un tavolo da picnic sotto un albero di noci pecan mentre Leo disegnava. Mentre cantava le canzoni, Leo ha disegnato un disegno dell'Argo II. Quando stava per firmare, lei vola via. Tia gli ha detto che non è ancora il momento di essere un eroe e che troverà il suo destino, ma prima dovrà affrontare molti dolori. Poi gli disse di accendere un fuoco per riscaldare le sue vecchie ossa. Pochi minuti dopo, Esperanza uscì e gridò quando lo vide seduto in mezzo a un fuoco, con le mani che bruciavano il tavolo da picnic, e i pastelli si sciolsero in una sostanza appiccicosa. Il fuoco ha lasciato le sue impronte sul tavolo, lasciando le persone nel suo appartamento a chiedersi per anni come abbia fatto. Dopo la visita, Esperanza ha parlato con lui e ha detto che non poteva tornare di nuovo e che lui non era pronto per essere un eroe. Gli ha detto di non usare mai più il fuoco fino a quando non avesse incontrato il padre, e una volta avvenuto questo, gli avrebbe spiegato tutto.

Lui e sua madre erano molto legati. Gli ha insegnato il codice Morse e loro parlavano usandolo, toccando i messaggi sui muri. Esperanza passava dall'inglese allo spagnolo quando gli parlava e così lo rese bilingue. Gli ci vollero anni per capire che non tutti parlavano in quel modo. Sua madre lavorava nella sua officina meccanica perché nessuno l'avrebbe assunta, provvedendo a entrambi. Quando Leo aveva otto anni, trascorreva ogni minuto libero al negozio e sapeva fare i conti meglio della maggior parte degli adulti, risolvendo problemi meccanici a mente. Organizzavano anche cene speciali il venerdì sera a base di gamberetti e pesce gatto da un ristorante di pesce locale a Houston.

Aveva un cugino che lo maltrattava, di nome Raphael, e un mediocre insegnante di terza elementare di nome Borquin. Durante Dia de los Muertos, sua zia Rosa lo prese con sé e lo trascinò al cimitero locale di Houston, dove avrebbero pulito le tombe dei loro parenti e lasciato offerte di limonata, biscotti e calendule. Rosa lo costringeva a restare per il picnic, come se mangiare con i morti gli togliesse l'appetito.

In Il sangue dell'Olimpo, Leo ricorda come da bambino giocava con i modelli di plastica di organi. Una volta si è messo nei guai dopo aver trasformato un rene in sezione trasversale e alcune gambe scheletriche in un mostro renale e ha spaventato l'infermiera della scuola. All'asilo, gli è stato insegnato come firmare il suo nome.

La morte della madre[]

Una notte, quando Leo aveva otto anni, Esperanza e Leo stavano lavorando fino a tarda notte. Esperanza stava realizzando un prototipo e, se avesse avuto successo, avrebbe finalmente fatto una pausa. Mentre lavoravano, Esperanza faceva battute banali e diceva che suo padre sarebbe stato orgoglioso di lui. Dopo aver finito, mentre stavano attraversando la sala relax, Esperanza si rese conto di aver lasciato le chiavi nel magazzino, e sorride a Leo per l'ultima volta. Pochi secondi dopo, la porta si chiude a chiave. Leo corse alla porta, gridò il suo nome, e cercò di aprire la porta, poi batté con il codice Morse, "Stai bene?". Ma poi apparve una voce e disse che non poteva sentirlo. Apparve una signora, che risultò essere Gea (sebbene Leo non lo sapesse). Dormiva con una veste nera, un velo, e abiti fatti di terra.

Leo pensava che fosse Tia Callida, ma lei disse che non lo era, solo una somiglianza di famiglia. Ha chiesto dove fosse sua madre, prima di dire che un giorno avrebbe combattuto contro i suoi figli, e che quando l'avrebbero svegliata, Leo avrebbe cercato di impedirlo, cosa che Gea non vuole. Leo ha detto che non voleva combattere nessuno, e Gea ha detto che non può ancora distruggerlo, perché i Fati non lo permetteranno. Ma Gea ha detto che non hanno protetto Esperanza e che non possono impedirle di spezzare il suo spirito. Gli ha detto di ricordare quella notte, quando gli chiedono di opporsi a lei. Leo si arrabbiò e le disse di lasciare in pace sua madre, e lei gli chiese come l'avrebbe fermata. Le sue mani presero fuoco e lei sorrise, sapendo di aver vinto. Leo si arrabbiò e cercò di salvare sua madre e se stesso e cercò di uccidere Gea, ma il fuoco uccise sua madre bruciandola viva.

Leo si sveglia in un'ambulanza e il paramedico è gentile con lui, dicendo che il magazzino è bruciato e sua madre non ce l'ha fatta. Leo si sentiva vuoto e si rese conto di aver perso il controllo, come da avvertimento della madre.

Advertisement